Mi indicherai il sentiero della vita, gioia piena nella tua presenza, dolcezza senza fine alla tua destra. Sal 15,11

Collegamento alle realtà diocesane con cui collaboriamo

Foto Missione Milano 2010

Cooperativa Sociale Ali Blu

Contribuisci anche tu

Contribuisci anche tu
con il cinque per mille

Lettori fissi

venerdì 4 dicembre 2009

Che sia Natale per davvero

Che sia Natale per davvero.

“La vita di ognuno è un’attesa. Il presente non basta a nessuno. In un primo momento, pare che ci manchi qualcosa. Più tardi ci si accorge che ci manca Qualcuno. E Lo attendiamo. “ (don Primo Mazzolari).

Siamo in attesa. E’ un’attesa carica di Speranza. Cosa stai attendendo cuore , cosa stai cercando? Di cosa hai fame e sete veramente? C’è un Dio che sta arrivando, ne senti i passi? Arriva perché vuole posare gli occhi proprio su di te, farti sentire uno Sguardo diverso da quelli che ben conosci, uno Sguardo avvolto di Mistero, uno Sguardo carico di calore, pace, abbraccio infinito d’Amore.
Viene per incontrare ogni cuore, quello piccolo di chi soffre per la Sua mancanza, quello straziato dal dolore di una vita piena di sofferenza, quello povero perché senza più speranza; ma anche il tuo cuore, di te che sei già riuscito a trovarLo e vivi la meraviglia della Gioia piena .

Questo Gesù che viene, viene per abitare per sempre in te, in noi, affinché anche noi possiamo abitare per sempre in Lui e lì, proprio lì, scoprire che Lui ci ama pazzamente e ci chiede di amare con la stessa follia. Amare Lui e ogni “altro” con la Sua stessa misura d’Amore. “Amatevi gli uni gli altri come Io vi ho amati” e “Siate tra voi perfetti nell’Unità, perché il mondo creda”.

13 dicembre 2009 ore 21 teatro del Collegio Gallio. Concerto di Natale: perché un ennesimo appuntamento natalizio? Perché partecipare?

Per cercare di amare come Lui ci ha amato nasce la serata “Natale per davvero” . Tenuto da un gruppo di consacrati dell’Associazione Nuovi Orizzonti “I giullari dell’Amore” , professionisti nel campo dell’arte, della musica e dello spettacolo, l’evento vuole rispondere proprio a quel Gesù che viene e ci chiede di dare e di andare, di non risparmiarsi, di camminare in Lui con i fratelli. Ci chiede di mettere a frutto i nostri talenti per portarLo a tutti e testimoniare la pienezza della Gioia di una vita con Lui. E già questo sarebbe un buon motivo per esserci.

Ma siccome Dio è Unità e l’Amore per sua natura si comunica, questo evento è organizzato da Nuovi Orizzonti con Azione Cattolica, Caritas Diocesana, Centro Aiuto alla Vita, Comunione e Liberazione, Opera Don Guanella, Movimento dei Focolari, Agesci, Rinnovamento nello Spirito, Stella del Mattino e TLC.

E questo per dire ad ognuno che possiamo guardarci gli uni gli altri con lo stesso Sguardo di Gesù e sentire nel cuore che avere gli stessi occhi di Dio non può che non creare Unità, portare Luce, dimenticare limiti o misure.
Ed è Natale per davvero.
martedì 1 dicembre 2009

Concerto "NATALE X DAVVERO"


Nuovi Orizzonti Como ha organizzato un concerto di Natale con la collaborazione di diverse associazioni operative nella Diocesi di Como:
- Pastorale giovanile guanelliana
- Centro di aiuto alla vita
- Comunione e Liberazione
- Azione Cattolica diocesana
- Caritas diocesana
- Associazione Stella del Mattino
- Movimento dei Focolari
- Rinnovamento nello Spirito Santo
- Scout AGESCI
- TLC Como.


Lo spettacolo si svolgerà presso il teatro del liceo Gallio di Como domenica 13 dicembre 2009 dalle ore 21.00.
"I giullari dell'amore" questo è il nome del gruppo che si esibirà in un repertorio di brani cristiani, spaziando fra diversi generi musicali quali gospel, jazz, fusion, musica leggera, rock e molto altro. I giullari dell'amore sono artisti consacrati nel carisma di Nuovi Orizzonti che vivono nella comunità di Guidonia Montecelio, nei pressi di Roma. Essi desiderano mettere a frutto i talenti che Dio ha donato loro nel campo dell’arte, della musica e dello spettacolo. Realizzano, in tutt’Italia e all’estero, spettacoli, concerti, musicals ed eventi di vario genere per riaccendere la speranza nei cuori con il messaggio di un Amore che guarisce, che ricolma di gioia e di pace.


sabato 7 novembre 2009

Nuovi Orizzonti "L'altra Halloween"


La cronaca di un 31 ottobre diverso


Cento missionari per le strade e nei locali della nostra città!
Nuovi Orizzonti, con la collaborazione di tante realtà diocAggiungi immagineesane di Como e di altre città del nord Italia, Pastorale Giovanile, seminaristi del seminario di Como e del seminario di Milano, Parrocchie con i loro sacerdoti e ragazzi, Caritas, Rinnovamento nello Spirito, Sentinelle del Mattino di Lecco, Varese e Milano, hanno organizzato per il 3° anno, LA LUCE NELLA NOTTE sabato 31 ottobre, notte dei Santi.
Con questa iniziativa hanno incontrato più di 500 giovani per le strade della città e li hanno invitati ad entrare in Chiesa ad incontrare Gesù.
La chiesa di S. Giacomo è rimasta aperta fino alle 3 del mattino ed ha accolto tantissime persone che sono “tornate a casa” dopo tanto tempo, offrendo loro la possibilità di parlare con uno dei più di 20 sacerdoti presenti, che hanno confessato incessantemente dalle 21 alle 2 di notte ora in cui si è svolta la S. Messa domenicale dei Santi ed assistendo, come raccontano, a veri e propri miracoli.
Ecco, questa è l’altra Halloween, quella in cui tanti piccoli sono tornati alla casa del Padre!!!


31 0tt0bre, Chiesa di S. Giacomo- Como - ore 21.00: si apre il portone. Per chi? Per che cosa?
La notte dei Santi.....La notte di Halloween......
Chi siete voi ragazzi del 2000 con magliette dai colori sgargianti, riconoscibili anche da lontano? E quelle scritte :
”Chi ha sete venga a me”,
“E Gioia sia!”
“Tutto passa, solo l’Amore resta”. Chi siete?
Piccole matite, piccolissimi strumenti nelle mani di un Padre che vuole chiamare quella moltitudine di Suoi Figli che non sanno nemmeno che Lui esiste, che non sanno più dove andare, che non si trovano più. Che stanno morendo nel cuore e nell’anima per mancanza di Amore vero.
Quanta sete di Te, Padre, abbiamo trovato anche questa notte per le strade di questa città, per le strade del Tuo Regno. Sete di Gioia piena, sete di Pace vera. Occhi spenti, zero sogni.
E tante maschere.
Halloween per mascherare che dentro sono morto, Halloween, alcol e sostanze per illudermi con giochi in cui non trovo quello che sto cercando veramente.
Poi arrivate voi, a due a due, (come chi? Gli Apostoli dell’inizio, mandati già allora fino agli estremi confini della terra....) e mi chiedete chi sono, come mi chiamo. Sento i vostri nomi, vedo le magliette, ma soprattutto gli occhi. Cosa hanno questi occhi che io non ho? E il sorriso.....pieno, vero. Sento che in quello sguardo c’è qualcosa che è verità e che mi scalda il cuore. E poi...mi ascoltate?!
E io voglio urlare il mio no, il mio dolore, la mia solitudine, la mia povertà. E voi la accogliete.
Non so se voglio venire con voi in chiesa, ma vorrei non lasciarvi andare subito, non così presto.....
Sono qui, entro con voi, all’inizio spaesato, ma c’è tanto calore qui, quanta pace, c’è armonia. Cosa succede? E lì sull’altare? Mi accompagnate e mi dite che lì c’è mio Padre, che è Lui che mi sta cercando e che mi ama pazzamente anche se conciato e fuori di testa come sono. Mi inginocchio, musica, candele, sacerdoti, tanta, tanta gente e tu che preghi il Padre per me, con il mio nome e io piango.
Non so perchè, cosa mi stia capitando, ma è come se fossi a casa. Nessuno che mi guarda storto, che mi giudica, ma sorrisi, lacrime e tanto Amore. Non vado più via. E tu sei ancora accanto a me e mi abbracci. Ma sai da quanto tempo nessuno mi abbracciava più?
E in quell’abbraccio sento che è vero, mio Padre c’è!
Prima di uscire mi chiedi se voglio parlare con un sacerdote. Mai fatto! Non so.... ma anche gli occhi di questo meraviglioso uomo di Dio mi bloccano lì dove trovo il perdono. Anche per me.
Articolo già pubblicato sul nr.41 del settimanale della Diocesi di Como
venerdì 30 ottobre 2009

Qualche immagine dalla Missione di Venezia



Non ho mai vissuto una Luce Nella Notte così: provo a raccontarvela...TESTIMONIANZA DI DON DAVIDE BANZATO dalla missione di strada di Venezia

Vorrei potervi comunicare quanto vissuto e quanto ho dentro, ma ogni parola la sento inefficace, ogni frase scolorisce dinnanzi a quanto il mio cuore ha toccato con mano. Non sono mancati gli attacchi di gruppi nei bar che hanno insultato o deriso i missionari provocandoli, piccoli episodi che si sono conclusi con un sorriso disarmante che ha rotto la forza del “branco” portando anche alcuni di loro in Chiesa. Vedere giovani commossi col bigliettino della Parola di Dio in mano dire: “Gli ho scritto nel foglietto e guarda! Mi ha risposto!” spiegandomi cosa quel brano di Vangelo pescato significasse per lui… Vedere un ragazzo dire ai bimbi di una delle famiglie che evangelizzavano in strada: “Ma guarda che è tardi dovresti andare a letto bambina ora, ma perché anche te sei qua?” e sentire Noemi rispondere: “Sono qui per te! Perché voglio che tu conosca Gesù!” e il ragazzo si commuove e piange.

Da tanto tempo non vivevo un’esperienza di evangelizzazione così forte… Ieri notte mi sono trovato a rientrare nel Patronato dei Frari dove alloggiamo come missionari e a parlare con padre Massimo e Matteo alquanto increduli per la serata vissuta… Erano le 2,00 di notte eppure la gioia era talmente tanta che non riuscivamo ad addormentarci. Cercavamo di capire come mai l’evangelizzazione fosse stata così forte, così potente, a tal punto da stordirci, da stupirci! Non voglio sembrare esagerato… ma da quando avevo 15 anni ho iniziato ad andare in strada, prima a Padova, tenendomi in contatto epistolare con Chiara Amirante, successivamente dopo la prima missioni di strada a Roma nel ’98 anche in giro per Diocesi italiane. Non ricordo notti così particolari… così dense… con incontri e confessioni di una qualità straordinaria. Forse la preghiera di molti, dalle Parrocchie, dai Cenacoli, dalle Comunità, dagli ammalati... insieme al sacrificio dei missionari stanchi ma sempre in donazione... Non lo so, ma mi ha stupito! Credo che ricorderò per sempre La Luce nella Notte di ieri. Dopo aver evangelizzato tutta la giornata chi in carcere, chi in ospedale, chi per le piazze della città, chi nei Ser.T ci siamo riuniti nella Chiesa di s.Giovanni Elemosinaro per dividerci i compiti e le zone dove andare due a due per invitare i giovani a venire in Chiesa. Alle 21,30 la preghiera è terminata e i missionari sono usciti per le strade…

Mi sono ritrovato da subito a contemplare una Chiesa gremita di persone con i ragazzi che accompagnavano persone di tutte le età e di varie nazionalità davanti all’Eucarestia per accendere un lumino, pregare insieme e poi prendere una Parola del Vangelo. Per primo ho accompagnato un ragazzo incontrato un giorno per prima per strada e che si trova in una situazione di disagio grandissimo e prigioniero della droga, abbiamo pregato davanti a Gesù e là all’improvviso è scoppiato in un pianto liberatorio. Da quel momento fino alle 2 di notte tutti noi 8 sacerdoti abbiamo confessato ininterrottamente!!! Ad un certo punto mi sono alzato per uscire e respirare un attimo, appena esco mi sono ritrovato a confessare per strada un ragazzo che da anni non frequentava più la Chiesa e che quella sera, avendo sentito la testimonianza di due missionari nella sua università si è sentito attratto a venire. Era stupito e non capiva il perché, ma sentiva nel cuore che doveva venire. Quando ci siamo salutati mi ha detto: “Studio filosofia e avendo messo la mente al primo posto ho perso la fede, grazie perché oggi avete permesso si riaccendesse in me questa fiamma: non voglio più farla spegnere!”
.
Alle ore 20 i missionari erano andati in 5 collegi universitari a dare testimonianza e incredibilmente la maggioranza dei ragazzi hanno sentito il bisogno di venire a Luce nella Notte e in molti, quasi tutti, si sono commossi, hanno pianto e si sono confessati. Si parla di centinaia di giovani in sole quattro ore. La parola più ricorrente era: “Mi sono sentito attratto”, “Non so il perché ma sentivo di dover venire”… mi ritornano in mente le Parole di Gesù: “Quando sarò innalzato attirerò tutti a Me!” Vorrei gridare in ginocchio a tutti: innalziamo Gesù nei nostri cuori, innalziamo Gesù nelle nostre Chiese, spalanchiamo le porte dei nostri cuori, spalanchiamo le porte delle nostre Chiese perché c’è un bisogno di Dio immenso e troppe persone si perdono, soffrono e rischiano di morire dentro per mancanza d’Amore!
martedì 13 ottobre 2009

Evangelizzare tramite la TV


Venerdì 9 ottobre è andato in onda il talk show "Italia sul 2" su RAI2, l'argomento centrale della trasmissione era il successo e cosa le persone sono disposte a fare per ottenerlo.
In studio erano presenti don Davide Banzato, assistente spirituale di Nuovi Orizzonti e Maurizio Fratamico responsabile spettacolo e animazione di Nuovi Orizzonti.
La testimonianza tramite i mass media è un importante canale di evangelizzazione, anche se si scontra con i ristrettissimi tempi televisivi. Emerge comunque un quadro sconsolante sugli obiettivi di vita di tanti giovani e sulle responsabilità dei media in questo ambito.
per visionare la trasmissione fare clic QUI

sabato 10 ottobre 2009

Nuova sede per il Cenacolo di Concorezzo


Il Cenacolo di Nuovi Orizzonti di Concorezzo ha finalmente una sede stabile nella cappellina dell'adorazione dell'oratorio S. Luigi di Concorezzo (MB), in via Manzoni, 25 (ingresso anche da via De Giorgi) al primo piano.
Sarà anche disponibile una saletta vicino alla cappella ove potranno giocare i bambini.
Si ringraziano don Pino e don Stefano per la disponibilità. il prossimo cenacolo si svolgerà mercoledì 28 ottobre ore 21.00


mercoledì 7 ottobre 2009

Ass. Medjugorje Como - Prossimo incontro a Erba



L'associazione Medjugorje Como organizza l'OCTOBER FESTIVAL presso LarioFiere di Erba Sabato 10 ottobre e Domenica 11 ottobre

Vedi il PROGRAMMA
martedì 29 settembre 2009

Evangelizzare tramite la TV


Italia sul Due, talk pomeridiano di Rai 2, dedica l'intera puntata di martedì 22 settembre a Medjugorje con interviste a Paolo Brosio. In Studio anche Chiara Amirante, fondatrice della comunità Nuovi Orizzonti e Saverio Gaeta. giornalista e scrittore.
E' possibile visionare integralmente la trasmissione cliccando sul link: http://it.gloria.tv/?media=33536
mercoledì 19 agosto 2009

Missione di spiaggia "CHI HA SETE VENGA A ME" a Riccione



Si è conclusa la missione di strada e di spiaggia "Chi ha sete venga a Me" (dal 9 al 16 agosto) a Riccione con circa 200 missionari provenienti da tutta Italia e appartenenti a diverse realtà ecclesiali.
L'organizzazione congiunta del 
Punto Giovane della Diocesi di Rimini di Nuovi Orizzonti e delle Sentinelle del Mattino di Pasqua di Firenze ha permesso di unire esperienze importanti per portare la gioia della fede vissuta a tutti i giovani che di giorno popolano le spiagge, ma soprattutto di notte vivono la "movida" romagnola nelle discoteche, nei pub e sui famosi viali di Riccione non facendosi mancare niente di quello che offre la moderna cultura del divertimento a tutti i costi.

L'organizzazione prevedeva due giorni di ritiro e formazione dei missionari che si sono divisi in varie equipe (animazione di spiaggia, evangelizzazione di spiaggia e di strada, luce nella notte, musica e canto, ecc.) e poi l'uscita nelle spiagge al pomeriggio con animazione, balli di gruppo, giochi e coinvolgimento dei bagnanti, la messa rock alle 21 e poi la Luce nella Notte fino a tarda notte con uscita nelle zone "calde" di Riccione, al mattino la condivisione sulle attività del giorno precedente.

Si è trattato di un'intensa attività dei missionari che a fine settimana si sono ritrovati stremati dalla fatica, ma felici di essersi consumati per Cristo. Inoltre la presenza del vescovo di Rimini mons. Lambiasi e di don Giovanni D'Ercole, giornalista e conduttore TV ha dato grande rilevanza all'evento.
lunedì 20 luglio 2009

Esercizi Spirituali a Medjugorie - alcune immagini



La grande piazza all'ingresso della Cittadella Cielo
Iniziano gli esercizi nel palasport di Cittadella Cielo
"Perchè la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena"


Chiara


Tanta gente

Tanta musica
Tanti canti e balli

Tanti personaggi strani

Siamo comunque a Medjugorie e quindi si prega sul Podbrdo
Si prega sul Krizevac
Poi si torna

A presto!
martedì 14 luglio 2009

Esercizi Spirituali di Nuovi Orizzonti a Medjugorie - Testimonianza di Laura


Dieci giorni dopo Medjugorie ...
Che dire? In molti mi chiedono come siano andati gli esercizi spirituali di Nuovi Orizzonti a Medjugorie. Ma io vorrei parlare soprattutto del DOPO.
Dei giorni trascorsi a Medjugorie, posso solo condividere veloci flash (ci vorrebbero pagine e pagine per racchiudere anche solo l’essenza di ciò che e’ capitato in quei giorni in quell’universo immenso che e’il mio cuore, il cuore di ogni uomo). Posso parlare dei volti incontrati, dei volti di centinaia di Risorti che ho contemplato (io stessa fra loro), testimonianza vivente della potenza di Dio.
Posso parlare dei miei bambini (3 e 5 anni), che si sono lanciati sereni e senza alcun timore nelle braccia di chi per sei lunghi giorni li ha curati e AMATI, per permettere a me e a mio marito di vivere gli esercizi spirituali. E non erano certo educatori, insegnanti o professionisti dell’educazione! Alcuni di loro erano persone a cui mai mi sarei sognata, una vita fa’ (prima dell’incontro vero con Gesu’ Risorto) , di affidare i miei figli: ex tossicodipendenti,dal passato oscuro e terribile, ora belli come il sole, pieni d’un amore che ben poche maestre professioniste hanno mai dato ai miei figli.
Posso accennare ai miei non giovanissi genitori, partiti con l’intenzione di fermarsi a Medjugorie per tre ‘massimo quattro giorni’ e che invece si sono fermati fino alla fine. Mia madre ed io, l’ultimo giorno, ballavamo come bambine e, pazze di gioia, per un istante abbiamo condiviso un pensiero nuovo: ‘vivere o morire, che differenza fa? Siamo già in Paradiso!’ Il Paradiso adesso, come dice una splendida canzone di Francesca. E mio padre, il Ragioniere, con la maglietta verde con la scritta ‘E gioia sia’ ... commosso fino alle lacrime, sorprendente!
Posso parlarvi del sole, davanti al quale mi pareva di vedere l’Eucarestia: suggestione o verita’? Non lo so, so solo che io l’ho vista quella grande Eucarestia davanti al sole e non me la dimenticherò mai.
E ancora potrei accennarvi all’ascesa al Krizevac: ma come ho potuto vivere una vita senza pensare veramente, come invece mi è accaduto durante la salita, all’immenso dolore, alla paura, all’angoscia provata da mio fratello Gesu’? Come ho potuto? Avrei voluto portare quella croce per Lui, voglio essere pronta a farlo nella mia vita.
E infine mio marito, giunto fino Medjugorie per me, rimasto invece per noi!
Ma, come dicevo all’inizio, vorrei parlarvi del dopo: già perché le grazie piu’grandi le ho ricevute al ritorno, qui a Concorezzo, nel cuore della Brianza. Mi sento nella gioia! Lo capite? Mi potete credere?
Mi sento in quella gioia piena di cui ha tanto parlato Chiara. Non so quanto durerà ma sento di aver afferrato quella pace che da tempo andavo cercando. E la cosa piu’ meravigliosa è che la sta provando anche mio marito.
Siamo tornati alle 4 di notte, alle 6 eravamo svegli per andare al lavoro. Sorrisi, gioia (nessuna tensione, nessuna frecciatina fra noi). Lavoro, bimbi da portare al centro estivo, casa in condizioni devastanti, riordino fino a tarda sera: sorrisi, sorrisi, solo sorrisi. Ma che succede? Manco un piccolo screzio? No, neanche uno, solo una grande pace nel cuore. Pace, pace, pace, ripete spesso Maria ai veggenti. Possibile che la mamma celeste l’abbia donata proprio a noi? Mi sembra quasi impossibile eppure ... la sento, la sentiamo mio marito ed io ed i bimbi sono piu’ felici del solito!
Ma si’, perché no?
E il cielo? Ma quanto è piu’ bello da quando sono tornata? E la gente? Vorrei abbracciare tutti ...
Vi saprò dire se durerà ... per ora si’ e siamo al decimo giorno!
Grazie, Gesu’, infinitamente grazie.
Laura e Alessandro
lunedì 6 luglio 2009

Inaugurata la Cittadella Cielo a Medjugorie




E' stata inaugurata sabato 27 giugno la Cittadella Cielo "Orizzonti di Pace" a Zvirovici di Čapljna in Bosnia Erzegovina. E' stata completata la prima parte della struttura che si stende su un terreno di 70.000 metri quadrati.



Sono stati realizzati diversi edifici adibiti all'accoglienza: case, albergo, laboratori ecc. è stato inoltre completato pochissimi giorni fa il palasport che ha ospitato gli esercizi spirituali di Nuovi Orizzonti appena conclusi.

Presso la cittadella Orizzonti di Pace si svolgeranno tante attività formative durante tutta l'estate e successivamente inizieranno le attività di accoglienza previste dal progetto.
In essa saranno accolti oltre 150 giovani (e adolescenti che vivono situazioni particolarmente difficili) e sarà offerta a tanti pellegrini la possibilità di fare un’esperienza che prevede un percorso di conoscenza di sé e di guarigione del cuore.
Nel frattempo sarà avviata l’intera struttura con un’estate formativa, offrendo ai molti pellegrini in visita a Medjugorje vari itinerari esperienziali.Settimana dopo settimana ci sono corsi di preghiera, di formazione per coppie, fidanzati, giovani, formazione all’evangelizzazione, corsi psicodinamici di conoscenza di sé, anche attraverso l’arte grafica e teatrale, corsi sull’ascolto attivo e di approfondimento dell’identità femminile (per il dettaglio clicca qui).
La Cittadella Cielo offrirà anche altri servizi, usufruibili da tutti i pellegrini e dalle popolazioni locali. Si tratta di attività giornaliere che daranno la possibilità di conoscere la realtà di Nuovi Orizzonti e della Cittadella Cielo “Orizzonti di Pace”, unitamente a momenti di meditazione (tenuti per lo più da Chiara Amirante), testimonianze, work-shop formativi, sport.Saranno attivati laboratori di canto, balli di animazione, teatro e danza, giochi di prestigio, pittura e attività sportive di calciotto, ping-pong, beach volley, pallacanestro e palestra (per i più giovani).
Quotidianamente saranno organizzati dei momenti in cui i ragazzi di Nuovi Orizzonti testimonieranno il proprio cammino di discesa agli inferi e di Risurrezione ai pellegrini che vorranno visitare la Cittadella.Per queste attività di carattere giornaliero non è necessario alcun tipo di pre-iscrizione, ma semplicemente presentarsi in Cittadella e usufruire di un pass che dà il diritto di avvalersi dei servizi offerti.

Social Network e Calendario

Presentazione Nuovi Orizzonti 2011

VISUALIZZA ARCHIVIO

VISUALIZZA ARCHIVIO

VISUALIZZA ARCHIVIO
Presentazione Cittadella Cielo 2011

Pentecoste 2010 - Relazione Annuale

presentazione N.O. ultima

Heroes

Presentazione Nuovi Orizzonti

Presentazione Cittadella Cielo

Reportage Brasile 2008

La Parola di Oggi

TUTTO PASSA......... SOLO L'AMORE RESTA solo l’AMORE può scardinare i muri dell’indifferenza che imprigionano l’anima in una solitudine mortale. Solo l’AMORE può distruggere l’angoscia di cuori impietriti dall’odio e dalla violenza. Solo l’AMORE può ridare speranza a chi, colpito dalle terribili sferzate della vita, giace prostrato nella disperazione. Solo l’AMORE può far germogliare la GIOIA di vivere nei deserti dell’umanità........... Chiara Amirante